domenica 3 maggio 2015

OOPART: "Out Of Place Artifacts" - Oggetti fuori posto

Tra le tante informazioni reperibili in rete mi è capitato diverse volte di leggere e cercare info riguardanti i così detti "oggetti fuori posto" (e, aggiungerei, "fuori dal tempo") che sono stati ritrovati in tutto il mondo, nei luoghi più disparati.
Successivamente, leggendo il libro "VYMAANIKA SHAASTRA L'antico libro delle navi volanti"  da "XPublishing srl"  di Corrado Malanga e Stefano Salvatici, mi sono imbattuto in un primo capitolo in cui vengono elencati diversi "oopart" ritrovati in tutto il mondo; reperti ambigui oserei dire...confermerebbero l'esistenza di civiltà avanzate tecnologicamente, precedenti alla nostra civiltà, oltre che mettere in dubbio quel che oggi "sappiamo" sull'Evoluzione Umana!
Cito uno stralcio del libro come introduzione rimanendo sul discorso degli oopart e senza entrare in merito all'argomento principale del libro sopra citato, che propone la traduzione di un manuale d'uso per antiche macchine volanti, il quale è stato scritto i primi del 1900, sotto dettatura di Maharishi Bharadwaaja, dove descrive e spiega il funzionamento di tecnologie impensabili anche ai giorni nostri:
"La Scienza contemporanea e, in particolare, la Storia fondano il principio - inviolabile e fondamentale - che nega a priori ogni possibilità o tesi avallante civiltà precedenti alla nostra, capaci di possedere tecnologie dimenticate e perdute nel tempo.
Se gli scienziati e gli storici si trovano di fronte ad un enigma del genere, preferiscono tacere anziché procedere con gli studi. Non solo qui viene violato il principio della lettura su un trattato (in questo caso, sulle macchine volanti indiane che tratteremo nel libro), ma verrà violato anche quando si tratterà delle piramidi a gradoni messicane, datate dagli storici al di sotto dei quattromila anni.
Di contro, è giusto rimarcare che una di queste piramidi risulta in parte sommersa da una colata lavica di un vulcano oggi spento, che ha eruttato l'ultima volta circa dodicimila anni fa...Come fa dunque una piramide ad essere stata costruita sotto una colata lavica che si è formata ben ottomila anni prima?
In Egitto la Sfinge e la piramide di Giza non sono correlate da nessun evento storico noto, ma quello che il Carbonio 14 rivela è che la piramide di Giza sia datata almeno dodicimila anni (la Sfinge invece è ancora più antica).
Osservando più da vicino la nostra civiltà italica, scopriamo invece ciò che la civiltà pre-nuragica sarda ha da raccontarci. In Sardegna sono ben visibili vestigia, accreditate ai Celti in guisa di cerchi di pietre (dolmen e menhir), che sarebbero stati edificati da questa civiltà indoeuropea durante una migrazione fino all'isola, una volta collegata attraverso la Corsica e l'isola d'Elba alla terra ferma. E' giusto rimarcare però che la Sardegna fosse già divenuta isola, da più di cento milioni di anni."

Adesso....leggendo l'elenco sommario di "oopart" messi in evidenza dagli autori, mi si sono drizzati i peli sulle braccia...letteralmente!
Ve ne presento solo qualcuno, brevemente, perché l'elenco di oggetti citati nel libro VYMAANIKA SHAASTRA è sommario ma comunque bello lungo....e per ogni oggetto ci sarebbe da parlare un secolo!
Io però, non sono qui a fare un trattato tecnico ma a farvi partecipi della mia curiosità...che in questo caso mi ha portato ad interessarmi degli "oggetti fuori posto".

Le Statuette di Acambaro ritrovate in Messico da Waldemar Julsrud nel 1945, raffigurano dinosauri, uomini, animali, strani oggetti e altro ancora, con una varietà di figure impressionante! Le statuette ritrovate in quasi un decennio di scavi sono più di 33.000; da analisi scientifiche sono state datate (asseconda del campione analizzato) tra i 1500 e i 6000 anni fa!
Cercando sul web ho trovato un'articolo che ne fa una bella panoramica http://www.cieliparalleli.com/Costume/messico-le-misteriose-figurine-dacambaro/Tutte-le-pagine.html.
Eccovi un'immagine per intendersi...
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il Mortaio con Pestello ritrovato nella Table Mountain (California nella contea di Toulumne), in uno strato di roccia del "Terziario" e datato tra i 33 e 55 milioni di anni fa!!!
Nel 1877 Mr. J.H. Neale era sovrintendente del Montezuma Tunnel; nello strato roccioso alla base di una colata di lava...Ad una distanza compresa tra 1400 e 1500 metri dalla bocca del tunnel, il signor Neale vide diverse punte di lancia di una roccia scura e quasi un piede di lunghezza. Esplorando trovò anche un piccolo mortaio di tre o quattro pollici di diametro di forma irregolare. Ha poi trovato anche un grande pestello e un mortaio di forma regolare. Tutti questi reperti sono stati trovati lo stesso pomeriggio, ed erano tutti a pochi metri l'uno dall'altro. Mr. Neale dichiara che è assolutamente impossibile che questi resti possono aver raggiunto la posizione in cui sono stati trovati, salvo al tempo in cui lo strato roccioso si è depositato, e prima che il tappo di lava si fosse formato....circa 30 milioni di anni fa.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

"Nano tecnologie" rinvenute in riva a fiumi della Russia.
Migliaia di questi inspiegabili artefatti sono stati rinvenuti in vari luoghi vicino a tre fiumi: Narada, Kozhim e Balbanyo; oltre a due più piccoli corsi d’acqua chiamati Vtvisty e Lapkhevozh, per lo più depositati fra 3 e
12 metri.
Gli oggetti, a forma di spirale, sono composti da vari metalli, la maggior parte dei più grandi sono di rame, mentre i più piccoli e i piccolissimi oggetti, sono di rari metalli come il tungsteno e il molibdeno.
Il tungsteno ha un peso atomico alto e anche molto denso con un punto di fusione di 3410° C; Viene impiegato principalmente per temperare acciai speciali e in forma pura per i filamenti delle lampadine.
Anche il molibdeno ha un’alta densità e un rispettabile punto di fusione di 2650° C; Questo metallo è usato spesso per la tempra di acciai e per dare loro proprietà anti-corrosive, con applicazioni per alcune parti di armi altamente poste sotto sforzo e per veicoli corazzati. Tali oggetti sono stati investigati dall’Accademia delle Scienze Russa di Syktyvka (capitale del Komi), di Mosca, di San Pietroburgo e altri istituti scientifici ad Helsinki, in Finlandia.
Misurazioni esatte di questi oggetti, spesso microscopici, hanno dimostrato che sono stati realizzati con dei rapporti ben precisi, tipici della sezione aurea usata ad esempio nell'antica architettura e pittura...come le opere di Leonardo da Vinci ad esempio.
Dal tempo antico questa frazione è stata la regola "ferrea" in architettura e geometria.
La sua utilità sta nel fatto che se una certa lunghezza è divisa in due usando questo rapporto, il rapporto fra l'originale lunghezza e il pezzo più grande è lo stesso di quella che intercorre fra il più grande pezzo e il più piccolo. Appare da molte sottigliezze che simili oggetti sono ovviamente il prodotto di una inspiegabile e avanzata tecnologia. Rimarchevoli le loro somiglianze con elementi usati in congegni miniaturizzati nella nostra recentissima tecnologia, chiamati "nano macchine". Tale tecnologia è da noi ancora nella sua infanzia, ma alcuni ingegneri stanno pensando ad applicazioni che sembrano essere fantascienza.
Gli scienziati immaginano di poter costruire microsonde impiegabili in medicina, per eseguire operazioni a l’interno di vasi sanguigni, non possibili con le odierne tecniche chirurgiche.
Tutti i test condotti per datare gli oggetti ritrovati danno una età variabile fra i 20.000 e i 318.000 anni, dipende dalla profondità e dalla situazione dei siti.
Ma anche si trattasse solo di 2.000 o di 20.000 anni, siamo di fronte a l’inevitabile domanda: chi, fra tutti i popoli del mondo era a quel tempo capace di creare qualche oggetto di micro filigrana finissima, qualcosa che la nostra tecnologia solo adesso è in grado di acquisire? 
Qui un sito web Russo che affronta l'argomento! (il link porta ad una pagina tradotta con google traduttore).
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



I dischi di Bayan-Kara-Ula sono 716 reperti di granito, con un'alta concentrazione di litio, cobalto e di altre sostanze metalliche, sulla cui superficie si trovano incisi una serie di simboli. I dischi furono scoperti nel 1938 da una spedizione di archeologi cinesi sulle montagne di Bayan-Kara-Ula, tra la Cina e il Tibet in una caverna contenente anche una quantità di piccoli scheletri. Le tombe furono trovate in un'intricata rete di gallerie interconnesse, ordinatamente allineate, e appartenevano ad una razza che appariva alquanto particolare: esseri umani di dimensioni molto minute, eccetto i teschi, sproporzionatamente grandi. All'inizio, gli scienziati credettero che le grotte fossero tane di scimmie ma il loro dirigente, il professore di archeologia Chi Pu Thei, sottolineò di non aver mai sentito parlare di scimmie che inumano i loro morti. Durante il disseppellimento dei corpi, un archeologo recuperò un disco di pietra dal fondo di una fossa. Gli studiosi si raccolsero attorno all'artefatto, rigirandolo in ogni direzione, cercando di interpretarne il significato. Un foro circolare nel mezzo e una spirale incisa verso l'interno o l'esterno erano le uniche apparenti caratteristiche. Un'ispezione più accurata mostrò che le scanalature, in realtà, erano una linea di piccole incisioni, o segni. Ogni disco poteva, quindi, essere un "libro litico" ma, all'epoca della loro scoperta, nessuno possedeva un dizionario capace di interpretarlo. Tutti i 716 dischi vennero raccolti assieme ad altri reperti ritrovati nell'area e portati a Pechino. All'inizio non si vide ragione di considerarli speciali, erano solo bizzarri. ...continua su http://murdokowsky.altervista.org/i-dischi-di-dropa.html
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Blocco di pietra squadrato, denominato "Il Monolito" rinvenuto a Baalbek, in Libano, dal peso di 1050 tonnellate!

..è talmente grande e pesante che, il solo pensare di spostarlo senza macchinari moderni è una vera assurdità!!!
Senza parlare di come si possa tagliare un blocco di pietra, servendosi di strumenti realizzati con metalli morbidi come il rame e il ferro!?....e oltretutto, effettuando i tagli a mano!? Ciò risulterebbe IMPOSSIBILE per chiunque...
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

L'obelisco incompiuto di Assuan rinvenuto in Egitto, abbandonato in una cava, è un'altro oggetto anomalo!
Lungo più di 40 metri e dal peso approssimativo di 1150 tonnellate!!!

Nessun commento:

Agricoltura: una piccola riflessione

Viviamo in una società caotica e dissociata dalla natura, per via di uno stile di vita fondato sull'individuo...un'individuo la cui ...